Qualche nuova considerazione sulla nuova ZTL

La nuova ZTL ha visto coinvolte una serie di vie del centro. Analizziamo con calma cosa è successo/succederà.

Via Garibaldi: la via è stata inserita nella ZTL ed il colore di suoi stalli di sosta è variato da blu, a pagamento per tutti, a giallo per i soli residenti. Oggi in Via Garibaldi, essendo stata inserita nella ZTL, il traffico è limitato ai residenti quindi, dirà un cittadino distratto, oggi è molto più gradevole passeggiarvi. Sbagliato. La via Garibaldi è la via d’uscita dal centro per centinaia e centinaia di auto di residenti al giorno. Non sarà mai una via facilmente camminabile e comunque ci si parcheggia come prima, e di auto, un po’ meno di prima a dire il vero, ne transitano comunque ancora oggi moltissime. Nessuna pedonalizzazione è avvenuta in Via Garibaldi. Nessuno spazio è stato liberato dalle auto in via Garibaldi. Nessuna riqualificazione è avvenuta in Via Garibaldi. É solo cambiato il fatturato di quei posti auto. Oggi fatturano molto meno e rimangono vuoti molto di più. Concludo su via Garibaldi affermando che l’unico risultato ottenuto ad oggi è averne diminuito la fruibilità ed aver penalizzato le adiacenti attività commerciali. Null’altro.

Ecco quanto era “intasata” da utenti bramosi di “camminarla” la Via Garibaldi il 28 maggio, giornata di sole, alle ore 11:53:

IMG_9491

 

 

Via Rodari / Via Bianchi Giovini: Dal prossimo 9 giugno le vie Bianchi Giovini e Rodari (a causa del fatto che tutti i pullman/autobus aventi ingresso in centro storico dalle vie Cairoli/Fontana non usciranno più dai portici Plinio ma usciranno dal centro storico percorrendo proprio le vie Bianchi Giovini/Rodari) vedranno passare quotidianamente, in doppio senso di marcia, oltre ai 466 autobus della ASF, una valanga di altri mezzi autorizzati (pullman turistici, taxi, residenti in zona, utenti dei posti auto gialli, etc.). Inutile dire che anche per queste vie valgono le parole spese per via Garibaldi ovvero: nessuna pedonalizzazione è avvenuta, nessuno spazio è stato liberato dalle auto, nessuna riqualificazione è avvenuta ed è solo cambiato il numero dei posti auto ed il loro fatturato. Oggi i posti rimasti fatturano molto meno e rimangono vuoti molto di più. Circa le vie Rodari e Bianchi Giovini dico, anche qui, che l’unico risultato ottenuto ad oggi è averne diminuito la fruibilità ed aver penalizzato le attività commerciali. Indubbiamente queste due vie tra l’altro avranno in dote, una volta completato il pasticcio ZTL, uno spaventoso caos imputabile al traffico pesante in doppio senso di marcia, traffico che peraltro sarà certamente più rumoroso e addirittura più inquinante (mediamente un pullman Asf con un litro di gasolio fa 3 km) del precedente;

IMG_9495

Circa le due vie qui sopra mi preme sottolineare che, oltre al fatto che i pedoni dovranno ora stare attenti ai veicoli in entrambi i sensi di marcia, nascerà un problema di precedenze in via Rodari. L’amministrazione infatti ha previsto per la via Rodari due semafori (chissà come sono contenti i residenti che avranno 466 pullman costantemente in ripartenza, smog e vibrazioni, tutto il giorno sotto casa) ma non ne ha previsti in via Bianchi Giovini, via stretta e lunga. A quante retromarce, frenate brusche e sgasate dovremo assistere da parte dei mezzi che si contenderanno il transito?

IMG_9494

 

 

Via Fontana: Anche in via Fontana il traffico/smog/vibrazioni/ripartenze aumenteranno esponenzialmente. Infatti tutti gli autobus/pullman che prima entravano in Via Rodari ed uscivano dal centro dai comodi portici Plinio (portici che sembravano proprio disegnati per essere un bellissimo, coperto e protetto, hub di trasporto pubblico) ora usciranno da via Fontana. Quindi? Situazione sensibilmente peggiorata anche lì. Benefici per via Fontana? Nessuno. Malefici? Aumento del traffico, dello smog e delle vibrazioni.

 

Piazza Cavour: Vedi Via Fontana.

 

Piazza Volta: In piazza Volta ci si accede da via Rubini, via anche questa resa a doppio senso di marcia, via dove sono stati posizionati semafori per regolare un accesso reso inutilmente più complicato, via dove sono stati eliminati dei comodissimissimi, e redditivissimi, posti auto blu, posti estremamente comodi (e gratuiti) di notte ai residenti. In piazza Volta la nuova ZTL ha solo portato in dote un po’ di vernice gialla, vernice che ha trasformato per residenti alcuni dei posti auto che prima erano blu con l’unica conseguenza di essere vuoti per la grande parte del tempo. Anche in piazza Volta non è stato pedonalizzato un solo cm quadro e non si riscontra alcun effetto positivo. Effetti negativi? Come sopra!

 

Via Grassi: ora si può parcheggiare qualche moto più di prima. Premesso che le moto inquinano mediamente più delle auto mi pongo una domanda: “Quando servono le moto?” D’estate mi rispondo. Bene. D’estate parte dei nuovi posto moto però sono eliminati per consentire ad una pizzeria della via lo spazio per dei tavolini. Cosa è migliorato in Via Grassi? Nulla. É stata chiusa al traffico e resa pedonale? No. Benefici? Zero.

 

Portici Plinio / (parte di) Via Pretorio / Piazza Grimoldi:  Unica vera futura pedonalizzazione e, forse, futura riqualificazione ma:

 

– Portici Plinio) A mio giudizio era un ottimo luogo dal quale accedere al servizio di pubblico trasporto. Nel cuore del centro senza che gli autoveicoli privati ed i mezzi pubblici limitassero la godibilità di alcunché. Non avrei mai pedonalizzato la via Caio Plinio II e men che meno l’avrei mai inserita nella ZTL. La voluta pedonalizzazione non serve a nulla ed i marciapiedi sono già oggi grandi ed abbondanti (oltre che molto più sicuri del ciottolato della via). I benefici estetici non sono minimamente equiparabili ai malefici in termini di accesso/godibilità del centro città.

 

– Piazza Grimoldi) La si poteva riqualificare senza dover fare tutto questo casino e senza inserire nella ZTL la via Caio Plinio II. Come? Chiudendola e lasciando tutto come prima (mettendo ovviamente a disposizione degli utenti della città, in adiacenza al centro storico, un numero di posti auto uguale o maggiore a quelli eliminati).

Ora mi faccio una domanda: Chi ci andrà in piazza Grimoldi? Forse la stessa utenza di piazza Verdi e piazza Gobetti? Molto probabile. Non era meglio spendere i soldi preventivati per la piazza Grimoldi per riqualificare la zona dei giardini a lago / tempio voltiano? Lì si che è un posto fighissimo totalmente decadente che merita interventi immediati di riqualificazione. Per Rapinese sarebbe stato prioritario sistemare quella zona, che già soffre della vicinanza delle eterne paratie, piuttosto che piazza Grimoldi. Piazza Grimoldi quindi? Non era urgente e comunque la si poteva riqualificare senza incasinare la città intera.

Schermata 2014-05-28 alle 15.49.59

– (parte di) Via Pretorio) Beh… bello chiuderla ed unire così piazza Grimoldi con piazza del Duomo. Si, bello, ma a che prezzo? Troppo elevato! Infatti per unire la piazza dove vive il Vescovo al Duomo bisogna fare tutto quanto ha fatto la Gerosa. Io cosa avrei fatto invece: avrei dipinto meglio le strisce pedonali che consentono ai cittadini di poter tranquillamente passare tra le due piazze  senza dover stravolgere la città. Il Vescovo avrebbe attraversato quindi in maggiore sicurezza e non avremmo messo a rischio la sicurezza del nostro centro storico, centro pesantemente sottoutilizzato e, senza auto, ancora più “landa desolata”. Specialmente di notte.

 

________________

Appena sarò sindaco i cittadini potranno ritornare a transitare con i loro veicoli nelle vie recentemente inserite nella ZTL, gli autobus torneranno ai comodissimi portici Plinio e ripristinerò anche i parcheggi blu sterminati nella nuova ZTL.

E  i residenti? Avranno pass per utilizzare posti blu.

Ah, dimenticavo… in convalle torneranno anche i posti bianchi.

________________

Buon 2017.

________________

4 thoughts on “Qualche nuova considerazione sulla nuova ZTL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *